Inizio pagina Salta ai contenuti

Unione Montana Bellunese

Provincia di Belluno - Regione del Veneto

Contenuto

Primo piano

Errore.

Eventi atmosferici del 24 luglio 2017

Segnalazione di eventuali danni subiti entro il 17 agosto 2017

Data news 08/08/2017
Ult.agg. 08/08/2017
Il fresco dei boschi

Parliamo di funghi
Estate in Nevegal

Giornate di divulgazione della conoscenza dei funghi

Data news 31/07/2017
Ult.agg. 31/07/2017
Errore.

Rassegna "Ferragosto e dintorni"

A Belluno, dall'11 al 21 agosto 2017

Data news 28/07/2017
Ult.agg. 01/08/2017
Errore.

Bando per l'assegnazione di contributi per interventi di rafforzamento o miglioramento sismico

Domande entro il 21 agosto 2017

Data news 17/07/2017
Ult.agg. 17/07/2017
cartina

Richiesta recinto di protezione bestiame

I RECINTI SARANNO MESSI A DISPOSIZIONE IN COMODATO D'USO

Data news 17/07/2017
Ult.agg. 17/07/2017
Errore.

Progetto pilota "Distretto creativo" in via Mezzaterra

Da fine luglio, spazi di coworking e altri servizi, in via Mezzaterra

Data news 29/06/2017
Ult.agg. 21/07/2017
Errore.

Collegamento estivo tra la Città e il Colle del Nevegàl

Da sabato 1° luglio e fino a domenica 3 settembre, attiva la linea N - Nera

Data news 28/06/2017
Ult.agg. 28/06/2017
Errore.

Adesione al progetto Good Ride
Interreg V A Italia-Austria 2014-2020

L'Unione Montana Bellunese ha aderito al progetto "Good Ride"

Data news 20/06/2017
Ult.agg. 20/06/2017
Errore.

Titoli per la raccolta funghi
Raccolta anno 2017

Le condizioni sono le stesse dello scorso anno

Data news 14/06/2017
Ult.agg. 14/06/2017
Errore.

Attivata la sperimentazione del servizio di autobus nei giorni festivi

Linee Rossa festiva, Verde festiva e Lilla-Gialla

Data news 05/05/2017
Ult.agg. 05/05/2017

News

Errore caricamento immagine.

Manutenzione della vegetazione lungo le strade comunali e la ferrovia

Data news: 14 nov 2012
Due ordinanze del Sindaco ricordano le competenze dei proprietari

Il Comune di Belluno ricorda che è necessario prendersi cura delle proprie aiuole e dei giardini, con un occhio di riguardo particolare per la vegetazione che, da terreni privati, insiste su strade e marciapiedi con rischi per la sicurezza. A tal proposito, è in vigore un'ordinanza che riepiloga le competenze dei proprietari dei terreni confinanti con le strade comunali, soprattutto nei casi in cui la vegetazione costituisca grave limitazione alla fruizione in sicurezza delle strade pubbliche e di uso pubblico, sia veicolare che pedonale.

Ogni proprietario è, infatti, responsabile della manutenzione del proprio verde, con particolare riguardo a quello sul bordo strada, dove una crescita eccessiva non riguarderebbe solo l'igiene e il decoro ma comprometterebbe anche la visibilità e la sicurezza stradale, tanto che le regole precise, che vanno rispettate da tutti, sono dettate proprio dal Codice della Strada.

Il Comune provvede alla cura del verde pubblico con la potatura delle alberature in varie vie cittadine e lungo le strade, operando con regolarità sulla vegetazione di competenza pubblica.

Non interviene, invece, dove non gli compete: sulle aree private e su quelle vicinali, perché questo spetta ai proprietari e anche perché si tratta di un impegno oneroso e dispersivo che distoglierebbe gli operatori dalla programmazione del lavoro e dalla ottimale gestione delle risorse pubbliche.


Come mantenere correttamente il proprio verde


Possedere del verde implica degli obblighi ben precisi, dettati dal Codice della Strada (artt.1, 16, 17, 1829, 31), dal Codice Civile (artt. 892, 894, 895, 896) e dai Regolamenti comunali di Polizia Urbana (artt. 18-19) e Polizia Rurale (artt. 16-17-24).

In particolare, nell'effettuare la manutenzione della vegetazione (sia arbusti che piante di vario genere) lungo le strade, dovrà essere garantita una luce di passaggio minima di 4,5 m di altezza al di sopra della sede stradale e una distanza dal ciglio stradale tale da garantire il non restringimento della strada stessa e la visibilità della segnaletica stradale.

L'operazione dovrà essere ripetuta ogni qualvolta, in maniera evidente, non siano più garantite queste condizioni.

 

Gli obblighi da rispettare

  • regolare la vegetazione che, radicata sui propri fondi, provoca restringimenti o invasioni della sede stradale o limitazioni della visibilità ai conducenti dei veicoli in transito;
  • tagliare i rami che nascondono o limitano la visibilità di segnali stradali, restringono o danneggiano le strade o interferiscono in qualsiasi modo con la corretta fruibilità e funzionalità delle stesse;
  • rimuovere immediatamente alberi, ramaglie e terriccio, caduti sulla sede stradale dalle aree di proprietà privata;
  • adottare tutte le precauzioni e gli accorgimenti per evitare qualsiasi danneggiamento, pericolo e limitazione della sicurezza e della corretta fruibilità delle strade confinanti.

Come intervenire

L'intervento può essere effettuato in proprio, ricordando di richiedere per tempo alla Polizia Locale le autorizzazioni eventualmente necessarie, come la chiusura totale o parziale del tratto di strada interessato e svolgendo l'operazione nel rispetto di quanto previsto dal Codice della Strada. E' anche possibile affidare il lavoro a una ditta specializzata, scegliendone una di propria fiducia.


Se non si interviene

Se i necessari interventi non verranno effettuati nel più breve tempo possibile, la Polizia Locale sanzionerà, senza ulteriori avvisi, i proprietari, come previsto dall'art. 29 del Codice della Strada.

Nei casi di urgenza, con pericolo per la circolazione lungo le strade comunali, il Comune provvederà direttamente e immediatamente alla messa in sicurezza, con conseguente addebito della spesa al proprietario del verde.

L'art. 197 del Codice della Strada stabilisce che, in caso di presenza di più comproprietari dello stesso terreno, ciascuno dei trasgressori è soggetto alla sanzione pecuniaria prevista per la violazione alla quale ha concorso e, pertanto, ognuno dei comproprietari sarà passibile della stessa sanzione.

Ricordiamo infine che le eventuali responsabilità per danni causati a terzi da una cattiva manutenzione del fondo ricadono sui legittimi proprietari.


Manutenzione della vegetazione privata lungo la ferrovia

In seguito a una richiesta del Gruppo Ferrovie dello Stato, è in vigore un'ordinanza del Sindaco relativa al taglio dei rami e degli alberi situati terreni di proprietà privata, in prossimità della ferrovia, che quindi, in caso di caduta, possono interferire con le rotaie. L'ordinanza ha la duplice finalità di tutelare la pubblica incolumità e garantire lo svolgimento del pubblico esercizio ferroviario, sul tratto ricadente nel territorio comunale.

L'ordinanza impone di:
• provvedere al taglio dei rami degli alberi e delle piante che si protendono oltre il proprio confine e che potrebbero, in caso di caduta, interferire con l'infrastruttura ferroviaria, creando possibile pericolo per la pubblica incolumità e l'interruzione di pubblico esercizio ferroviario;
• rimuovere immediatamente alberi, ramaglie e terriccio, caduti sulla sede ferroviaria dai propri fondi per effetto di intemperie o per qualsiasi altra causa;
• mantenere costantemente, nel tempo, le distanze di sicurezza dalla sede ferroviaria, dalle alberature e di quanto altro indicato agli artt. 52 e 55 del D.P.R. 753/80, contenente il Regolamento di Polizia Ferroviaria. 

Riferimenti utili

L'ordinanza del Sindaco sulla manutenzione della vegetazione a bordo strada.

L'ordinanza del Sindaco sulla manutenzione della vegetazione lungo la ferrovia.

I regolamenti comunali di Polizia urbana e Polizia Rurale

Alcuni consigli su come e quando potare.
 

A chi rivolgersi
Comando Polizia Locale
via Gabelli n. 9 - Belluno
vigili@comune.belluno.it
tel. 0437.913520 - fax 0437. 913527

Data ultimo aggiornamento: 30/11/2012